Un audit interno vs. un ruolo di consulenza

I revisori interni sono i guardiani finanziari di un'azienda. Il loro compito è quello di esaminare obiettivamente i documenti finanziari di un'azienda e rivedere le procedure operative indipendentemente dalla direzione. Quando i revisori interni sono collocati in un ruolo di consulenza, si concentrano su un reparto specifico anziché sull'intera azienda. Ciò può dar luogo a un conflitto di interessi tra i compiti della società di revisione e quelli di un consulente.

L'Audit Interno

Tre parti sono coinvolte in un audit interno: i revisori interni, il comitato di audit e il dipartimento sottoposto a audit. L'attenzione si concentra su come funziona il dipartimento all'interno dell'azienda. I revisori interni campionano i documenti in modo casuale, esaminano i manuali e osservano il flusso di lavoro all'interno del dipartimento. I revisori cercano segni di cattiva gestione e frode dei beni. Testano anche i controlli di gestione del rischio. I revisori interni riferiscono i loro risultati direttamente al comitato di revisione. Il comitato di audit esamina il rapporto e incontra il responsabile del dipartimento per discutere i risultati dell'audit.

Revisore dei Conti in qualità di Consulente

A differenza di un audit interno, in una consultazione sono coinvolte solo due parti: l'auditor interno e il responsabile del dipartimento. In qualità di consulente, il revisore interno non ha responsabilità gestionali o decisionali. Il revisore esaminerà le procedure del dipartimento e osserverà i dipendenti in azione. In qualità di consulente, il revisore interno fornirà consigli e suggerirà modifiche per migliorare il dipartimento. Il revisore interno lavora con i manager per implementare i cambiamenti e assistere con la formazione dei dipendenti.

Revisore contro Consulente

Diversi rischi vengono assunti quando i revisori interni del personale vengono utilizzati come consulenti. In qualità di consulenti, i revisori sembrano lavorare per uno specifico manager o dipartimento invece che per l'intera azienda. L'obiettività e l'indipendenza del revisore possono sembrare perse. Un conflitto di interessi può sorgere quando il revisore diventato consulente deve sottoporre a revisione o supervisionare una revisione del proprio lavoro precedente. Inoltre, il personale di audit interno di un'azienda è solo così grande. Il loro utilizzo come consulenti all'interno della propria azienda riduce il numero di revisori disponibili per condurre audit interni a livello aziendale.

Revisore dei Conti e Consulente

Imprenditori e dirigenti stanno rifacendo il ruolo del revisore interno. Il controllo e la gestione del rischio è una delle maggiori preoccupazioni del management. Invece di un semplice rapporto di audit, la direzione vuole che i revisori interni aiutino a sviluppare e implementare i controlli del rischio. I revisori interni continuano a lottare per bilanciare la loro tradizionale indipendenza e obiettività con il loro accresciuto ruolo di consulenti.

messaggi recenti