Un'organizzazione è tenuta a pagare le indennità di disoccupazione per tutti i dipendenti licenziati?

I lavoratori che diventano disoccupati possono richiedere l'indennità di disoccupazione. L'indennità di disoccupazione è un beneficio monetario che le persone senza lavoro ricevono per aiutare a pagare le spese di soggiorno fino al ritorno al lavoro. In collaborazione con le agenzie statali per la disoccupazione, il Federal Unemployment Tax Act richiede ai datori di lavoro di pagare le tasse ai fondi statali di disoccupazione. Le tasse pagate dai datori di lavoro sono progettate per pagare i benefici ai lavoratori che hanno diritto a riceverle. I lavoratori licenziati per motivi interdittivi quali cattiva condotta non hanno diritto all'indennità di disoccupazione.

Fatti

La maggior parte dei datori di lavoro deve pagare una tassa di disoccupazione sia federale che statale per compensare i lavoratori che diventano disoccupati. I datori di lavoro sono gli unici responsabili del pagamento di queste tasse. Nessun denaro viene detratto dal salario di un lavoratore per l'imposta, ma solo alcuni lavoratori si qualificano per ricevere l'indennità di disoccupazione. Ogni stato ha il proprio insieme di regole per determinare l'ammissibilità alle indennità di disoccupazione in base al motivo per cui il lavoratore è stato separato dal lavoro. In Texas, ad esempio, la Texas Workforce Commission regola l'eleggibilità alla disoccupazione e lavora con i datori di lavoro per stabilire le qualifiche di un lavoratore per ricevere i sussidi.

Eleggibilità

Un lavoratore disoccupato può ricevere sussidi se è diventato disoccupato non per sua colpa. In altre parole, se il datore di lavoro licenzia il lavoratore o chiude l'attività, il lavoratore si qualifica per i benefici. Nella maggior parte dei casi, un lavoratore che è stato licenziato o che ha lasciato volontariamente non può ricevere l'indennità di disoccupazione, con alcune eccezioni. Ad esempio, se il lavoratore si dimette a causa di una malattia verificabile dal punto di vista medico, potrebbe essere idoneo a ricevere benefici. Inoltre, se il lavoratore viene licenziato per motivi diversi da cattiva condotta o violazione delle politiche aziendali, può beneficiare di benefici.

Interessi del datore di lavoro

I datori di lavoro ricevono una notifica quando un dipendente licenziato presenta una richiesta di indennità di disoccupazione. Sebbene il datore di lavoro non paghi direttamente le indennità del lavoratore licenziato, il datore di lavoro è indirettamente interessato dalla decisione di concedere le indennità perché i pagamenti provengono dal conto fiscale di disoccupazione del datore di lavoro. Il datore di lavoro ha il diritto di sapere se il lavoratore ha effettivamente diritto a ricevere un risarcimento.

Ricorsi

Un datore di lavoro che può dimostrare che un dipendente non è idoneo alla disoccupazione ha il diritto di presentare ricorso contro la decisione dell'ufficio per la disoccupazione di concedere l'indennità. I ricorsi in genere si verificano dopo che è stata presa la decisione di concedere i benefici e il datore di lavoro non è d'accordo con la decisione a causa delle circostanze che circondano il licenziamento del dipendente. Ad esempio, se un dipendente riceve benefici nonostante sia stato licenziato per cattiva condotta, il datore di lavoro può impugnare questa decisione. Se il datore di lavoro vince il ricorso, eventuali premi che il lavoratore ha ricevuto fino a quel momento dovrebbero essere rimborsati.

messaggi recenti